domenica 7 giugno 2020

Amici Come Me - Maya - Singolo




Amici come me è il primo singolo di Maya che a soli 11 anni è la più giovane cantautrice distribuita in tutto il mondo della storia della musica. 
Il singolo (testo e musica di Maya) parla di amicizia, vista come l'antidoto perfetto, perché nonostante i guai del nostro tempo, le distanze e le differenze tra le persone, il contatto che unisce i cuori di chi è disposto ad aprirsi, può salvarci tutti.


Disponibile su:





      


  ...e su tutte le altre piattaforme di streaming!



Il messaggio della giovane artista recita:
"Tempo distanza e lingua,
Cultura diversa e religione,
Non fanno di noi due opposti,
E dovete per forza darmi tutti ragione.

Colori della pelle e forma degli occhi
Ingannano solo gli uomini sciocchi 
e la diversità che vedete voi
Rende sempre belli gli incontri tra noi 

Due occhi due braccia, un naso e la mente,
Un cuore un anima che amore sente,
E quando ormai pensi che in fondo non vali,
Chiamami e vieni da me, perché noi siamo uguali"

Io penso che la risposta a tutto quello che è successo sia 'Amicizia' ...sempre e comunque essere Amici... ...Come Me.

Videoclip ufficiale:




Il brano è stato eseguito dalla band
Maya e La Profezia


Maya: è la voce del brano, suona la chitarra elettrica ed i basso elettrico ed è suo l'assolo di chitarra rock.

Gianni Foti: Tastiere, Pianoforte e Vocoder

Luca Ingletti: Batteria e programmazione ritmica 

Alberto Sorrentino: Chitarra elettrica ed acustica

Enrico Spina: Basso elettrico


Arrangiamenti: Maya e Gianni Foti
il brano è stato registrato nello studio J di TSCRecords.com

Mix: Gianni Foti
Master: PIG Studio Reggio Calabria a cura di Fabio DeTommasi

Distribuzione e Produzione: TSCRecords.com





lunedì 1 giugno 2020

Pochi giorni all'uscita di Amici Come Me di Maya


Domenica 7 Giugno verra' rilasciato il primo singolo di Maya: Amici Come Me.

La giovanissima cantautrice, di appena 11 anni, Romana con origini Calabresi, ha concluso i lavori del suo primo singolo (scritto in gennaio dello scorso anno) arrivato a maturazione e con arrangiamento ed esecuzione degni di una distribuzione internazionale, grazie alla costanza ed alla collaborazione con i tanti professionisti incontrati negli ultimi 13 mesi. 

Ecco il messaggio della piccola cantautrice con una citazione del testo:


Ciao Amici, questa è la mia prima distribuzione internazionale, il brano lo trovate in tutti gli store ed in tutti i paesi del mondo... ...il mio obbiettivo è quello di riunire quanti più amici possibili, perché
"tempo distanza e lingua,
colore della pelle e forma degli occhi,
ingannano solo gli uomini sciocchi"

Io penso che la risposta a tutto quello che è successo sia 'Amicizia' ...sempre e comunque essere gentili ed amici... ...come me. 


Nell'ultimo anno Maya è arrivata alle finali di Castrocaro, sempre con un brano Reggae scritto interamente da lei; il clamoroso riscontro allo European Music Fest con un altro brano dal carattere fortemente Rock sempre 'Made by Maya'; ed una produzione costante di musica che la porta molto vicina alla possibilità di poter pubblicare un intero disco come cantautrice.

La formazione della Band Live di Maya ha indirizzato la piccola stella di TSC che vive nei castelli Romani, ad essere sempre più professionale ed a esibirsi in giro per l'Italia costantemente ed in ambienti anche di grande competitività artistica. 

Col nome di "Maya e La Profezia" Maya si esibisce con i musicisti della band cantando ed imbracciando una delle sue tantissime chitarre elettriche o ukuleli, accompagnata da artisti di grande esperienza e di alto profilo: Alberto Sorrentino alla chitarra, Gianni Foti alle tastiere, Enrico Spina al basso elettrico e Luca Ingletti (vera leggenda della musica, con collaborazioni che vanno da Baglioni a Slash a Dizzy Gillespie) alla batteria.

 L'incontro di tante generazioni ha portato a questo singolo dall'animo Pop ma che strizza l'occhio a sonorità Rock con l'assolo di chitarra distorta eseguito dalla stessa Maya e con una parte rap con sonorità recentissime. Particolare anche l'uso massiccio del vocoder (strumento molto usato negli anni '70 e nella musica dance, che riunisce il suono della voce e sonorità sintetiche che portano a ritmi molto particolari)

Non resta che aspettare il 7 giugno l'uscita del brano che porterà anche uno strano e singolare primato, Maya sarà infatti la più giovane cantautrice della storia della musica ad avere una distribuzione internazionale. 

Anche TSC si fregia di tale record, per aver creduto fortemente che la musica non rispetta le differenze culturali, le differenze di colori, le differenze di idee... ...la musica è arte e non rispetta neppure la differenza di età!

giovedì 14 maggio 2020

BluesLee in session - I Wish

La storica band di Blues, ha rilasciato un video realizzato in questo periodo di allontanamento sociale, scegliendo un brano che fa riferimento ai 'bei giorni passati' ma con la speranza che possano ritornare più belli e giocosi di un tempo.
Tra vecchissimi componenti del 1989 all'ultima piccolissima entrata nella band, i BluesLee sono sempre portatori di quel Blues giocoso che tanto abbiamo apprezzato nei migliaia di live della band.



venerdì 17 aprile 2020

La piccola Maya contro il Covid

La più piccola artista di TSC non sta buona neppure per un secondo, oltre a produrre musica e video musicali, si è impegnata nella realizzazione di mascherine protettive riutilizzabili, lavabili e, come dice lei, "molto cool" personalizzate e colorate, perché è innegabile che ormai per un lungo periodo di tempo le mascherine saranno un componente dell'outlfit di ognuno di noi, quindi oltre alla sicurezza, perché non farlo con carattere e stile personali?
Nasce cosi la MayaMask, e noi di TSC ci siamo impegnati a fornire gratuitamente una pagina dedicata a questa iniziativa della nostra piccola ma grandissima bimba prodigio!


Importante ricordare che tutto questo NON è un business, perché Maya produce le MayaMask gratuitamente, chiedendo un contributo per acquistare il materiale grezzo da usare nella sua stampante 3D, ed il materiale in più servirà per altre mascherine che verranno donate!!! Forza Maya, diamo tutti con te!


Risultato:
Maya 1 - Covid 0



giovedì 16 aprile 2020

Maya in Produzione

In questo periodo di quarantena, la giovane cantautrice Maya sta producendo, insieme a Gianni Foti, un singolo che verrà rilasciato entro poco tempo da TSC, perché restare a casa non vuol dire restare fermi!
...certo la giovane Maya ha a disposizione il modernissimo studio di preproduzione J che TSC spesso usa nelle sue produzioni, e che si trova all'interno della zona di quarantena di Gianni Foti, ma la vera arte viene dalla testa e dal cuore, non dagli strumenti, e per fortuna la piccola Maya non pecca in esuberanza artistica e produttiva.
Staremo a vedere cosa tirerà fuori da questo periodo Covid.

venerdì 17 gennaio 2020

SOBREV1VIEN7E Manuel Cardella Album




<> <>
<> <>
È stato un lungo viaggio.
La parola viaggio, potrebbe essere un sinonimo di vita. 
Il primo giorno, quando ordini le idee e prepari tutto con la paura di dimenticare qualcosa, quando ancora non sei partito e già fai il conto alla rovescia dei giorni che mancano per tornare, quando hai voglia di vivere cose nuove, scoprire, conoscere, crescere, cambiare, migliorarti e vivere.
Dopo ogni viaggio, non si torna mai gli stessi.
Questo album, senza alcun dubbio è stato il mio viaggio più bello e allo stesso tempo più difficile.
Bello perché, ho scoperto un Manuel che non conoscevo, perché ho lavorato con persone fantastiche, perché sono ogni singola canzone del disco, perché ho trascorso notti senza dormire e più di una volta, cinquanta ore consecutive senza chiudere occhio, perché ho scritto tutti i miei brani in quelle notti dove il mondo dorme, ma la musica non aspetta il sole.
Perché ci ho messo anima e cuore, rabbia e frustrazione, voglia di vivere e voglia di essere orgoglioso di me stesso, fantasie e sogni, parole e note, corde di una chitarra e tasti di un pianoforte, sudore e lacrime, magia che ho trasformato in realtà.

Io non ho paura.
Ho smesso di avere paura circa sette anni fa, quando la vita mi ha dato un altra opportunità.
So, di avere una grande responsabilità.
Perché se un viaggio, ha un biglietto di andata ed uno di ritorno.
La musica, che sia una canzone, un album, non torna mai indietro.
Parte e li resta.
Qualcosa che è mio, lo lascio andare. Senza sapere dove o da chi arriverà.
E devi essere sicuro che sia abbastanza forte, per affrontare il mondo li fuori.
Quando un mio lavoro parte e comincia il suo viaggio nel mondo, l’unico modo per chiedergli di tornare a me, è vedervi cantare le mie canzoni sotto un palco, quando mi restituite con il sorriso qualcosa che io vi ho regalato con amore.
Solo in quei momenti torna a casa, torna a Manuel.

“SOBREV1VIEN7E” è il MIO DISCO.

Sono sopravvissuto alla morte. 
Io la morte l’ho guardata in faccia e l’ho battuta, a voglia di vivere.
Il mio cuore che si era fermato, ha ricominciato a battere.
E non è poesia. 
È vero. È successo davvero.


Sopravvissuto a tutte quelle persone che hanno cercato di distruggermi.
Di togliermi la musica, che mi hanno derubato, umiliato, trattato come fossi una cosa, un prodotto da scaffale, un numero su una cartellina dentro un ufficio con sedie di pelle e con loro, pagliacci mascherati a festa, nella loro perenne insoddisfazione personale.
Parlo di voi con il sorriso, oggi.
Anzi, vi ringrazio.
Vi ringrazio per avermi fatto vedere tutto ciò che la musica non è, tutto ciò che siete disposti a fare per raggiungere un obiettivo, giocatori sporchi, senza gloria.
Vi ringrazio perché siete anche voi parte portante del titolo del disco.
Io sono sopravvissuto anche a voi.
Che vi sentite squali ma in un acquario, che voi stessi avete costruito. Per proteggervi.
Nell’oceano, sareste pesciolini.
Che bello, non avere più rabbia. Non pensare più a tutto quello che mi avete rubato, con la frustrazione dei miei primi tempi, quando mi chiedevo: “ Ma perché a me? Cosa ho fatto?”.
Che bello non dover fare i vostri nomi, perché so che sapete.
So che sapete che sto parlando di voi.
E so anche, che ascolterete l’album intero.
Dopo aver visto la copertina, ovviamente.
Io la maschera non me la metto.
Sono Manuel, me stesso e ne vado fiero.


Sono sopravvissuto alla perdita della persona che mi ha amato come nessuno ha mai fatto. 
Che mi ha lasciato senza avvisare, senza dirmi preparati che sarà dura.
E le ho dedicato una canzone.
Io non sono capace a descriverti, non potrei e non saprei.
Ma ho cercato di farlo, con il cuore.
E tu lo sai.


Sopravvissuto alle distanze.
A tre anni vissuti in Spagna, lontano dal mio mondo, dalla mia terra, dalla mia famiglia, dalla mia città e dalla mia musica.
Solo.
Quando sei solo, lontano da tutte le persone che ti amano, capisci tante cose.
Capisci quanto sia importante un abbraccio, un sorriso, una parola, un “ti voglio bene”.
Perché ti manca. 
Ti manca tutto.
E ti manca tanto.


Sopravvissuto alla depressione.
Che cosa brutta la depressione.
Un tunnel nero, nero e ancora nero.
Ti toglie la voglia di vivere e di lottare, un motivo per svegliarti la mattina, la forza di combattere, di guardare il mondo negli occhi.
Ti senti inutile, per te, per gli altri, per il mondo.
Quasi un peso.
Ma ho lottato ed ho vinto.
Ne sono uscito più forte di prima e con la voglia di spaccare il mondo.


“SOPRAVVISUTO” racchiude questo e tante altre cose.


È un disco, difficile.
Perché difficile? 
Perché è come se ogni volta che spingessi “Play”, venissi catapultato in un mondo differente.
Non sai quello che ti aspetta, non è simile al “mondo” che hai ascoltato prima.
Ogni traccia è qualcosa di nuovo, di diverso e da scoprire.
Potrei descrivervi nel dettaglio ogni cosa che ascolterete e che troverete nel disco.
Ma perché?
Perchè dovrei spiegarvi l’emozione di ogni canzone.
Chi sono io per farlo?
E soprattutto non saprei come fare.
Lascio a voi, emozionarvi, capire, scoprire, e viaggiare con la mia musica.
Però una cosa ve la voglio dire.
Ognuno di voi avrà la sua canzone preferita.
E come dicevo all’inizio, non ho paura.
Non ho paura che sia una, piuttosto che un altra.
Manuel è in tutte le canzoni.
Manuel è tutto quello che ascolterete.
Adesso, Play e…
Buon Viaggio, amici miei. 



Ringrazio voi, che siete venuti in viaggio con me, dal primo giorno, fino all’ultimo, costruendo sogni.
Grazie a Fabrizio Paris, Fabiola Greco, PJ - Piergiorgio Palli, Veronica Surrentino, Mapo, Baba, Gianni Giacomini.
Grazie a PJBASSMAN STUDIO di Roma, per avermi fatto sentire a casa per 4 mesi. Grazie a Gianni Foti e TSCrecords.com per la distribuzione del disco in tutti gli angoli del globo.
Grazie alla mia famiglia prima di tutti.
Per ultimo, grazie a me.
Ma mai per ultima, grazie a TE.